Archives

ottobre 2013

Il terapeuta equilibrista

L'Insolente Costruttivista No Comments

E’ stato pubblicato il DSM 5, il manuale di riferimento per la diagnosi dei disturbi psichiatrici a cura dell’APA (American Psychiatric Association). Anche se a livello mondiale non è l’unico testo di riferimento per la diagnosi in psichiatria (in alcune nazioni si usa in prevalenza l’ICD – International Classication of Diseases), è difficile ignorare il ruolo che assume nel tracciare la linea tra cosa è “sano” e cosa è “malato”, e non solo negli ambienti sanitari ma anche nel senso comune.

In un articolo apparso sull’edizione italiana dell’Huffington Post ad inizio 2013, la collega Giuliana Proietti, ripercorre la strada che ha portato l’APA a questa quinta edizione del manuale e propone alcune analisi. Una di queste riguarda il fatto che l’APA nasce in ambito statunitense, e per questo è fortemente influenzato dal sistema sanitario basato sulle assicurazioni (anche se è in atto un tentatativo di riforma). In altre parole, inserire o togliere un disturbo nel DSM significa che un gruppo di persone che rientrano sotto l’ombrello di una certa diagnosi possono vedere coperte in parte o in toto le spese per la propria terapia, mentre altre dovranno pagarsela di tasca propria. (more…)